spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Parlare Chiaro


Oggi la Chiesa fa memoria di San Bernardino da Siena.
Un suo pensiero sul parlare chiaro.

Colui che parla chiaro, ha chiaro l’animo suo:
chi parla scuro, significa l’animo suo scuro.
(San Bernardino da Siena)

Annunci


Pane che profuma d’amore

Dal Vangelo di oggi (Gv 13,31-35)

Quando Giuda fu uscito [dal cenacolo], Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri».

Questa mattina la comunità è in festa per i bambini che per la prima volta ricevono Gesù nel pane eucaristico.

Una bambina a catechismo mi ha chiesto: Don l’ostia sa di pane? E io le ho risposto: il vero gusto che sentirai sarà il gusto dell’amore. Lei mi ha detto: con la lingua sentirò forse il gusto del pane, ma col cuore cercherò di sentire anche il gusto dell’amore… I bambini mi stupiscono sempre!

Eppure è proprio così un pane che profuma d’amore ci ricorda il senso del nostro cammino. Essere amore!

Il pane ci ricorda proprio questo:
Per amore noi esistiamo.
Per amare noi esistiamo.


La via della Chiesa passa attraverso il cuore dell’uomo, perché è qui il luogo recondito dell’incontro salvifico con lo Spirito Santo, col Dio nascosto, e proprio qui lo Spirito Santo diventa «sorgente di acqua, che zampilla per la vita eterna». Qui egli giunge come Spirito di verità e come Paraclito, quale è stato promesso da Cristo. Di qui egli agisce come consolatore, intercessore, avvocato – specialmente quando l’uomo, o l’umanità, si trova davanti al giudizio di condanna di quell’«accusatore», del quale l’Apocalisse dice che «accusa i nostri fratelli davanti al nostro Dio giorno e notte». Lo Spirito Santo non cessa di essere il custode della speranza nel cuore dell’uomo: della speranza di tutte le creature umane e, specialmente, di quelle che «possiedono le primizie dello Spirito» ed «aspettano la redenzione del loro corpo». Lo Spirito Santo, nel suo misterioso legame di divina comunione col Redentore dell’uomo, è il realizzatore della continuità della sua opera: egli prende da Cristo e trasmette a tutti, entrando incessantemente nella storia del mondo attraverso il cuore dell’uomo. (Dominum et Vivificantem n. 67)

Lo Spirito Santo non cessa di essere il custode della speranza nel cuore dell’uomo…


L’Ideale dell’amicizia
È sentirsi uno
Ma rimanere due.

(Anne-Sophie Swetchine)

Stupendo pensiero sull’amicizia!


Non c’è che due vite,
tra cui scegliere, nella vita:
vendersi o donarsi.

(Antoine F. Rondelet)

Tu che vita hai scelto?


Mille volte vien donata
mille volte vien rinnovata
La felicità a colui
che ogni giorno si rallegra
Grato dei suoi doni.

(Ignaz Lohmeyer)

Il buon esempio


Procurate sempre di andare avanti col buon esempio

(Madre Maria Mazzarello)

Non c’è arma più efficace nell’educare che quella di dare il buon esempio

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: