spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘XXIX Domenica del Tempo Ordinario (B)’

XXIX Domenica del Tempo Ordinario (B)


Lo stile di Dio

Dal Vangelo di oggi (Mc 10,35-45)

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Questa è la strada contromano di Gesù: Dio non tiene il mondo ai suoi piedi, è ai piedi di tutti. Dio non è il padrone dei padroni, è il servitore che in Gesù lava i piedi ai discepoli. Non è il Signore della vita, è di più, il servo di ogni vita. I grandi del mondo si costruiscono troni di morti, Dio non ha troni, cinge un asciugamano e vorrebbe fasciare tutte le ferite della terra. Dio come un servo: che non esige, sostiene; non pretende, si prende cura; non rivendica diritti, risponde ai bisogni. Servitore ineguagliabile. […] Servizio: questo è il nome nuovo, il nome segreto della civiltà, perché questo è lo stile di Dio.

(Ermes Ronchi)

Lo stile di Dio, il servizio…

Lo stile di Dio per salvare il mondo! Oggi questa Parola tocca nel profondo il mio cuore! Vedo un germoglio, vedo un futuro di bontà, vedo la mia strada illuminata…

Aiutami signore ad avere il tuo stile, che io mi metta a servizio dei miei fratelli, solo così potrò assaporare la leggerezza della libertà, la forza dell’amore, la calma della pace, il senso della vita.

Dove è amore, vi è sempre servizio

Dove è Dio, lì vi è amore. E dove è amore, vi è sempre servizio. (Madre Teresa)

Dal Vangelo di oggi (Mc 10,35-45)

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Molte volte il Vangelo ci parla del servizio. E molte volte ci parla di amore. Madre Teresa ci ricorda come amore e servizio siano in qualche modo inseparabili.

Possiamo amare davvero, senza metterci a servizio dei fratelli?

Ecco il vero potere di chi vuole stare accanto a Gesù, il potere dell’amore!

Un potere che non ci fa sedere accanto a Lui, ma piuttosto ci fa camminare con Lui, per metterci a suo servizio, per portare il lieto annuncio della sua presenza in mezzo a noi. Una presenza che si mette a disposizione dell’uomo, per renderlo capace d’amare. E chi ama non è mai triste.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: