spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘strada’

La stessa strada


Il Signore si fa uomo con gli uomini, condivide la stessa umanità, percorre la stessa strada, si compromette per l’uomo fino a dare la vita.

(Beato Charles de Foucauld)

È possibile incontrare davvero Gesù, perché ha voluto percorrere la nostra stessa strada.
Strada di fatica, di paura, di dolore…
Per aprirci una strada di Speranza, d’Amore e di Gioia.

Nessuna scorciatoia


Tante strade, una sola direzione, ma nessuna scorciatoia.

XIII Domenica del Tempo Ordinario (C)

Dal Vangelo di oggi (Lc 9,51-62):

Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio. Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Tante strade, una sola direzione, ma nessuna scorciatoia.

Non c’è un unico modo di essere cristiani, di seguire Gesù… ognuno percorre le strade della propria vita, la direzione però è una sola: quella del dono totale. Chi vuol seguire Gesù non può prendere scorciatoie…

In ogni scelta di vita importante non esiste parzialità, il part-time.

Oggi il Vangelo ci chiede quell’impegno vero e totale che solo uomini e donne liberi possono prendere.

Quali sono le catene che devo spezzare, per un’adesione totale alla sequela di Gesù?

Gesù è deciso, si dirige a Gerusalemme, pronto ad andare a morire per noi!
Niente potrà fargli cambiare direzione, perché Gesù è un uomo libero, liberamente ha deciso di compiere la volontà del Padre, quella di donarci suo Figlio per sconfiggere il peccato e la morte.

Qual è la direzione dei tuoi passi?

Quando mi trovo per strada


Non sono mai così vicina a Dio come quando mi trovo per strada.
(Magdeleine Hutin)

È la sfida quotidiana che il Vangelo ci propone, di una Chiesa in uscita, di una Chiesa che non rimane nei luoghi di culto, di una Chiesa che cammina come ha fatto Gesù, per le strade del mondo.
Sostare davanti al tabernacolo, per nutrirci di Lui e camminare per le strade a respirare la sua presenza, nei fratelli che incontriamo, specialmente i più poveri… Per stare vicino a Colui che si è fatto vicino.

Lepre o tartaruga?

Le tartarughe potrebbero raccontare, delle strade, più di quanto non potrebbero le lepri.
(Kahlil Gibran – Sabbia e spuma)

Alcune volte la vita ci porta ad essere lepri, sempre di corsa, senza aver mai un attimo di tranquillità, per pensare alla nostra vita, a come viviamo le relazioni…
Ogni tanto dobbiamo prenderci un po’ di tempo per essere tartarughe… un po’ di sana vita lenta, per respirare il creato, per curare meglio le relazioni.
Un altro punto a favore della tartaruga rispetto alla lepre è indubbiamente quella di vivere più a lungo.

In-segna

Gesù, la nostra beatitudine, ci in-segna un cammino di felicità, apre tutti i giorni davanti a noi le vie della felicità cui anela ogni essere umano. (Enzo Bianchi)

Quale strada ha preparato per te?

Anche nella foresta più fitta, nel caos di una metropoli, c’è sempre una strada buona da percorrere, una strada ricca di incontri, una strada che non porta in un luogo, una strada che porta ai fratelli.