spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘San Tommaso Apostolo’

San Tommaso Apostolo


Il Vangelo ci mette in guardia contro ogni presentazione del messaggio cristiano che eliminasse la croce e la crocifissione. Ci sono alcuni che addolciscono e umanizzano il Cristo fino a farne un soave e amabile maestro di morale, così come altri gnostici o psudo-mistici che si riempiono di idee di incarnazione, di trasfigurazione, di deificazione e che, nella loro concezione della salvezza, non hanno più posto per la croce. Noi sappiamo che un Cristo che non porti il segno dei chiodi non è autentico. È solo al Crocifisso che riserviamo la nostra adorazione. L’episodio di Tommaso ci suggerisce ancora un altro pensiero. Possiamo oggi toccare con le nostre mani la carne martoriata del Salvatore? Certo, questa possibilità è data ad ogni uomo perché Gesù viene in una maniera invisibile e reale nelle creature che ci circondano. Non ci è dato di vedere costantemente il Santo Volto, ma il volto di Cristo mi appare nel volto del mio fratello e, attraverso la com-passione io raggiungo la Passione. Toccherò il mio fratello e dirò: “Mio Signore e mio Dio!”.

(Padre Lev Gillet)

San Tommaso, aiutaci ad avere fede, prega per noi.

Annunci

II Domenica di Pasqua (B)


Mio Signore e mio Dio

Dal Vangelo di oggi (Gv 20,19-31)

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

Capita anche a noi dire: “Non ci posso credere”…quando succede qualcosa che va al di là della nostra capacità umana.

Con il Signore dobbiamo abituarci a fare esperienza dell’impossibile che si realizza.

Tommaso ha avuto bisogno degli occhi per credere…ma molte volte gli occhi sono ingannatori… non rivelano la verità…. Basta pensare a cosa vediamo quando un bravo illusionista è capace di far apparire un coniglio dal suo cilindro, o far sparire qualcosa davanti ai nostri occhi.

Essere nati duemila anni dopo gli avvenimenti della vita di Gesù Cristo non è un impedimento a credere che lui sia veramente Risorto.

Anche perché chi l’ha incontrato davvero, non lo ha subito riconosciuto.

Beati quelli che non hanno visto e hanno creduto.

Gesù dice questo di noi… felice è colui che si fida di me… che ripone in me la sua fiducia.

La Resurrezione non è da toccare o da vedere la Resurrezione è da credere!

Chi ci aiuta a credere? La Comunità!

Gesù non appare a Tommaso in maniera privata, ma insieme ai discepoli.

La fede è personale, ma mai un fatto privato!

Se leggo la mia storia, la storia della mia fede, dentro ci vedo una comunità… la mia famiglia, la parrocchia dove sono nato e cresciuto, la parrocchia che il Signore mi ha chiesto adesso di amare e servire.

La comunità nutre la mia fede. Alleluia Cristo è veramente Risorto!

San Tommaso Apostolo


Testimone del Risorto

Vangelo di oggi (Gv 20,24-29)

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

Tommaso l’incredulo, testimone per noi che nulla è impossibile a Dio.

Lasciamo che i dubbi siano illuminati dalla Grazia della Fede.

Capita anche a noi dire: “Non ci posso credere”…quando succede qualcosa che va al di là della nostra capacità umana.

Con il Signore dobbiamo abituarci a fare esperienza dell’impossibile che si realizza.

II Domenica di Pasqua (A)


Mio Signore e mio Dio!

Dal Vangelo di oggi (Gv 20,19-31)

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

È la comunità che ci fa sentire vivo il Signore!

Non cerchiamo il Signore in apparizione private, il Risorto si è manifestato sempre a due o più persone…
(Discepoli di Emmaus, donne, apostoli… anche Maria di Magdala non fu sola nell’incontro col Risorto, con lei vi erano due angeli).

È la comunità che ci fa sentire vivo il Signore! Anche se alcune volte ci sono comunità che ce lo fanno sembrare morto…

La comunità fragile, piena di ferite è il luogo dove il Risorto vuole “restare con noi”.

Quando andai da seminarista a Gerusalemme, Daniel Attinger, monaco di Bose, ci disse “le divisioni e lotte all’interno della Basilica del Santo Sepolcro sono le ferite che attestano che il Signore è davvero Risorto”.
Mi ha molto colpito, non ci avevo pensato… così è per le nostre comunità. Il Risorto si manifesta nella nostra fragilità, anche nell’incredulità e nonostante tutto siamo ancora qui ad annunciare Lui.

Negli ultimi tempi vi è nel cuore della Chiesa un gran desiderio di uscire, di annunciare al mondo un Gesù vivo… è compito di noi cristiani, delle nostre comunità rendere la Sua presenza una presenza Viva!

Anche a Tommaso Gesù non concede una rivelazione privata… L’errore di Tommaso è non accogliere la parola dei suoi fratelli “Abbiamo visto il Signore” … Gesù ancora una volta ci viene incontro e nella comunità (mai fuori da essa) permette a Tommaso, per permettere a tutti noi di mettere le dita nelle sue ferite!

Io vi ho amati davvero, anche voi amatevi come ho fatto io!

Gesù è davvero Risorto e davanti a Lui anche noi gridiamo “Mio Signore e Mio Dio!”

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: