spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘San Cipriano’

San Cipriano


Perché preghiamo e chiediamo che venga il regno dei cieli,
se continua a piacerci la prigionia della terra?

(Tascio Cecilio Cipriano)

Venga il tuo Regno Signore,
liberami dalle catene che non mi permettono di amare te e i fratelli.

Annunci

Tesori celesti

La nostra patria non è che il paradiso. Là ci attende un gran numero di nostri cari, ci desiderano i nostri genitori, i fratelli, i figli in festosa e gioconda compagnia, sicuri ormai della propria felicità, ma ancora trepidanti per la nostra salvezza. Vederli, abbracciarli tutti: che gioia comune per loro e per noi! Che delizia in quel regno celeste non temere mai più la morte; e che felicità vivere in eterno! Ivi è il glorioso coro degli apostoli, la schiera esultante dei profeti; ivi l’esercito innumerevole dei martiri, coronati di gloria per avere vinto nelle lotte e resistito nei tormenti; le vergini trionfanti, che vinsero la concupiscenza della carne e del corpo con la virtù della continenza; ivi sono ricompensati i misericordiosi, che esercitarono la beneficenza, nutrendo e aiutando in varie maniere i poveri, e così osservarono i precetti del Signore e, con le ricchezze terrene, si procurarono i tesori celesti. Affrettiamoci con tutto l’entusiasmo a raggiungere la compagnia di questi beati. Dio veda questo nostro pensiero; Questo proposito della nostra mente, della nostra fede, lo scorga Cristo, il quale assegnerà, nel suo amore, premi maggiori a coloro che avranno avuto di lui un desiderio più ardente.

(San Cipriano)

In cielo ci sarà un gran tesoro per te, se sulla terra sei stato un tesoro per gli altri.

Una vita possibile


Oggi la Chiesa fa memoria di San Cipriano, vescovo e martire.

Per capire la sua conversione e immergersi nella sua santità, condivido con voi una parte della famosa lettera “Ad Donatum” dove racconta ad un amico la sua rinascita come cristiano.

Dalla Lettera a Donato di san Cipriano di Cartagine

Un tempo io giacevo nelle tenebre di una notte buia; mi trovavo come sballottato sul mare del mondo che mi gettava in tutte le direzioni; incerto delle vie che mi si paravano innanzi, vagavo in balia di me stesso e non ero consapevole della mia vita.
Lontano dalla verità e dalla luce, ritenevo che fosse davvero difficile e duro, per i miei sentimenti di quel periodo, ciò che la misericordia di Dio mi prometteva per portarmi alla salvezza.
Reputavo fosse difficile poter nuovamente rinascere e deporre le abitudini precedenti, anche se il battesimo nell’acqua della salvezza mi rinnovava a nuova vita. Stimavo ugualmente difficile che un uomo potesse cambiare la mente e l’animo senza mutare nel suo fisico.
Continuavo a dirmi: “Come sarà possibile una conversione così grande da liberarmi tutto ad un tratto da ciò che fin dalla nascita si solidificò come quando si colloca del materiale e lo si ammucchia in depositi? Come sarà possibile liberarmi di quelle abitudini che ho indebitamente contratte?”.

Spesso mi trovavo con questi pensieri. Ero legato dai moltissimi errori della mia vita passata e non credevo di potermene liberare. I vizi aderivano alla mia vita e io continuavo ad assecondarli. Non pensavo più di poter raggiungere i beni migliori; per questo favorivo ciò che mi nuoceva come se fosse qualcosa che ormai mi appartenesse e fosse cresciuto con me.

Ma sopraggiunse l’aiuto dell’acqua che rigenera. La corruzione della vita precedente venne cancellata e dall’alto si diffuse una luce nel mio cuore purificato e mondo. Ricevetti dal cielo lo Spirito e attraverso una seconda nascita diventai un uomo nuovo.
Dopo questo evento, ciò che era segnato dal dubbio improvvisamente divenne, in modo che non saprei descrivere, una certezza; quello che era impenetrabile e pieno di tenebra mi apparve accessibile e luminoso.
Potevo raggiungere quello che prima mi sembrava assurdo e fare quello che finora ritenevo impossibile. Avevo così la possibilità di capire come fosse terreno l’uomo di prima, nato dalla carne e schiavo dei vizi.

Essere cristiani non è una vita impossibile…

Venga il tuo regno

Perché preghiamo e chiediamo che venga il regno dei cieli, se continua a piacerci la prigionia della terra? (San Cipriano)

Il tempo d’avvento è innanzitutto un tempo per liberarci da tutte le catene in cui ci imprigiona il mondo.Catene che ci lasciano nella menzogna, ci impediscono di amare come vorremmo, ci fanno sprecare il dono prezioso del tempo, quel tempo opportuno per incontrare sul serio il Signore della Vita colui che più di tutti ci rende persone libere.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: