spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘razzismo’

Lottare contro i pregiudizi


Ieri siamo arrivati in Polonia, per vivere insieme a tanti giovani l’esperienza della G.M.G.
La prima tappa del nostro pellegrinaggio è stato il campo di concentramento di Auschwitz. Mi ha impressionato quel silenzio assordante, molti avrebbero volentieri voluto chiudere gli occhi, di fronte a tanta cattiveria… invece dobbiamo tener gli occhi ben aperti, per vedere il disastro che l’uomo può combinare, quando reputa la vita di un altro uomo senza valore!

Sono d’accordo con le parole del papà di Anna Frank, non possiamo cambiare quello che è successo, ma possiamo e dobbiamo impegnarci perché mai più succeda che l’uomo possa distruggere l’uomo.
Non possiamo più cambiare quello che è avvenuto. L’unica cosa che possiamo fare è imparare dal passato e comprendere cosa voglia dire discriminare e perseguitare persone innocenti. Sono convinto che ognuno di noi abbia il dovere di lottare contro i pregiudizi”.
(Otto Frank)

Per tutte le vittime innocenti, di ieri e di oggi.
Per tutti coloro che sono perseguitati a causa della loro posizione sociale, della loro religione, del colore della pelle…

Nelson Mandela


Il Mandela Day è una giornata di festa internazionale in onore a Nelson Mandela, celebrata il 18 luglio (il compleanno di Mandela).
Una festa per ricordare un grande uomo che ha lottato contro l’oppressione e il razzismo.

Per essere liberi non c’è solo la via di togliere le catene ad una persona, ma di vivere in modo che si rispetti e si valorizzi la libertà degli altri
(Nelson Mandela)

Rosa Louise Parks

10 anni fa, moriva Rosa Louise Parks.

Rosa Louise Parks (4 febbraio 1913 – 24 ottobre 2005) è stata un’attivista afroamericana impegnata nella lotta per l’affermazione dei diritti civili. Il primo dicembre 1955 a Montgomery, in Alabama, l’autista dell’autobus su cui si trovava le ordinò di cedere il suo posto a un passeggero bianco, ma Rosa Parks rifiutò di alzarsi. Questo gesto, apparentemente così piccolo, ha reso Rosa Parks un simbolo del movimento per i diritti civili e un’icona internazionale della lotta contro la segregazione razziale. Lavorare è un gesto semplice e importante della vita come quello di prendere l’autobus, e il rifiuto di Rosa Parks di lasciare il suo posto a un’altra persona soltanto perché aveva la pelle di un altro colore ci insegna ancora oggi che il mondo può essere scosso e cambiato anche soltanto dicendo un “no” cortese ma irremovibile alla discriminazione.

Nel giardino del mondo, c’era una rosa, che profumava di giustizia. Rimanere seduti al proprio posto, per far capire agli altri di essere “fuori posto”. Ecco il gesto che ha cambiato l’America, un semplice gesto che ha il sapore dell’uguaglianza, che ci aiuta nel nostro impegno di vivere da fratelli.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: