spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Raniero Cantalamessa’

Il vero amore


Il problema delle persone, soprattutto nell’amore, è che si vuole possedere l’altro. E quando, anziché il dono, c’è il desiderio di possesso, si inquina tutto. Molti matrimoni falliscono per questo. Perché, quando tu vuoi possedere, riduci automaticamente l’altro a un oggetto. Non è più una persona, un interlocutore, ma diventa un possesso. È il contrario dell’amore. L’amore è spento, a quel punto.

(Raniero Cantalamessa)

Il vero amore non possiede nulla… dona tutto.

Imparare ad amare


Veramente, amare Dio, più che un comandamento, è un privilegio, una concessione. Se un giorno lo scoprissimo, non cesseremmo di ringraziare Dio per il fatto che ci comanda di amarlo e non vorremmo far altro che coltivare questo amore. Esso è l’unico amore che non delude mai, che è in grado di soddisfare appieno il bisogno infinito d’amore che c’è nel cuore umano. L’esperienza mi ha convinto che la causa più universale di sofferenza nel mondo non è la malattia, o altre cose del genere, ma la mancanza di amore […] Imparare ad amare Dio — e, con lui, il prossimo — significa aver trovato finalmente il luogo del proprio riposo, la fonte stessa della felicità.

(Raniero Cantalamessa)

La morte del cuore


La morte dell’anima è quando si vive nel peccato;
la morte del cuore è quando si vive nell’angoscia,
nello scoraggiamento o in una tristezza cronica.

(Raniero Cantalamessa)

La tristezza è il veleno pericoloso che porta alla morte del cuore. La gioia invece ne è la cura.

Dobbiamo offrire a tanti nostri fratelli che vivono tristi la medicina giusta: la nostra gioia sincera.

Venerdì Santo


La croce è il più terribile “no” al peccato e il più amoroso “sì” al peccatore.

(Raniero Cantalamessa)

Contemplando la croce, contemplo l’amore infinito di Dio per me.

La croce non è simbolo di morte e sofferenza, ma di amore sconfinato per l’uomo.

Il Regno dell’Amore


Il regno di Dio è anche il regno dell’uomo, perché è la condizione che permette all’uomo di realizzare i suoi desideri più profondi, di amore, di felicità, di eternità, di libertà. Soprattutto di amore, perché Dio è amore e il regno di Dio è il regno dell’amore.

(Padre Raniero Cantalamessa)

Quando il Vangelo ci dice che non siamo lontani dal Regno di Dio, ci vuol dire che non siamo lontani dal poter realizzare i nostri sogni, i nostri desideri di felicità. Unico modo è l’amore!
Nel mondo odio e cattiveria sono ospiti indesiderati… Basta l’amore perché non trovino più spazio in mezzo a noi.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: