spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Jean Galot’

Mercoledì delle Ceneri


Fa’ digiunare il nostro cuore:
che sappia rinunciare a tutto quello che l’allontana
dal tuo amore, Signore, e che si unisca a te
più esclusivamente e più sinceramente.
Fa’ digiunare il nostro orgoglio,
tutte le nostre pretese, le nostre rivendicazioni,
rendendoci più umili e infondendo in noi
come unica ambizione, quella di servirti.
Fa’ digiunare le nostre passioni,
la nostra fame di piacere,
la nostra sete di ricchezza,
il possesso avido e l’azione violenta;
che nostro solo desiderio sia di piacerti in tutto.
Fa’ digiunare il nostro io,
troppo centrato su se stesso, egoista indurito,
che vuol trarre solo il suo vantaggio:
che sappia dimenticarsi, nascondersi, donarsi.
Fa’ digiunare la nostra lingua,
spesso troppo agitata, troppo rapida nelle sue repliche,
severa nei giudizi, offensiva o sprezzante:
fa’ che esprima solo stima e bontà.
Che il digiuno dell’anima,
con tutti i nostri sforzi per migliorarci,
possa salire verso di te come offerta gradita,
meritarci una gioia più pura, più profonda.

(Jean Galot, Ritorno alla sorgente)

Inizia la Quaresima, il digiuno non deve essere una mancanza di qualcosa,

il digiuno deve lasciare spazio ad una presenza!

Oggi ci sia spazio nella nostra giornata per la Parola, per la carità, per la preghiera.

Il vero cammino della gioia


L’uomo è fatto per entrare in comunione con Dio e solo in questa comunione può trovare la sua felicità più profonda. La scoperta dell’amore deve essere in lui non soltanto il risveglio all’amore per un’altra persona umana, ma all’amore di Dio. In particolare, è solo l’entrata in comunione con Dio che può conferire alla gioia la sua qualità più alta. Naturalmente vi sono diversi gradi di felicità, ma quello più alto si trova nell’avvicinamento dell’uomo a Dio. A tutti gli uomini viene chiesto l’amore totale per il Signore, perché solo con questo possono giungere alla felicità per la quale sono stati creati. Il segreto della gioia umana si trova nel segreto di Dio. Dio ha fatto comprendere all’uomo che l’ha creato per la felicità; gli ha rivelato soprattutto come ha salvato questa felicità e come, mediante l’azione della sua grazia, ha promesso una gioia ben superiore a quella richiesta dalla natura umana per se stessa. Con la sua luce, ha pure distolto l’uomo da tutte le illusioni, da tutte le false apparenze di felicità. Infatti, alla fragilità e alle insufficienze della gioia, come si impongono ad ogni esperienza umana, egli ha risposto con il dono della sua gioia divina. Ha voluto che la propria gioia diventasse quella dell’umanità. Dio ha preso l’iniziativa, nella rivelazione, di mostrare all’uomo il vero cammino della gioia.

(Jean Galot)

Il vero cammino della gioia è andare incontro al Signore, incontrando e amando i fratelli che troviamo nel cammino della vita.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: