spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘inferno’

Vorrei pieno il cielo

cielo-3
Vorrei pieno il Cielo, svuotato il Purgatorio, chiuso l’Inferno
(Beata Elisabetta Sanna)

160 anni fa moriva Elisabetta Sanna beatificata il 17 settembre dell’anno appena passato.

Elisabetta Sanna nacque a Codrongianos (Sassari) il 23 aprile 1788. A tre mesi perdette la capacità di sollevare le braccia. Sposata, allevò cinque figli. Nel 1825 restò vedova e fece voto di castità; era la madre spirituale delle ragazze e delle donne della sua terra. Nel 1831, imbarcatasi per un pellegrinaggio in Terra Santa, finì a Roma, e non poté tornare, per sopravvenuti gravi disturbi fisici. Si dedicò totalmente alla preghiera ed a servire i malati e i poveri. Fu tra i primi iscritti all’Unione dell’Apostolato Cattolico di san Vincenzo Pallotti, suo direttore spirituale. La sua abitazione divenne un santuario di viva fede e ardente carità. Morì a Roma il 17 febbraio 1857 e venne seppellita nella chiesa del SS. Salvatore in Onda. Dopo una causa durata oltre un secolo e mezzo, è stata beatificata il 17 settembre 2016 presso la basilica della Santissima Trinità di Saccargia a Codrongianos.

L’inferno c’è, ma possiamo evitarlo


XXVI Domenica del Tempo Ordinario (C) 

Dal Vangelo di oggi ( Lc 16,19-31)

In quel tempo, Gesù disse ai farisei:«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe.
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”.
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricordati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”.
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».

L’inferno c’è! Qua sulla Terra…
Quando un fratello è solo, e nessuno lo vede
Quando un fratello è ammalato e nessuno lo cura
Quando un fratello è straniero e nessuno lo accoglie
Quando un fratello è affamato e nessuno lo sfama
Quando un fratello è ingannato e nessuno lo difende
Quando un fratello è povero e nessuno lo ama…

L’inferno c’è per tutti quei fratelli che rimangono da soli nelle loro difficoltà…se riusciamo ad evitare questo, allora eviteremo per noi anche l’inferno che verrà…

Gesù non ci chiede niente di impossibile, solo di aprire gli occhi, di sentirci bruciare la pelle quando un fratello vive l’inferno di una vita triste.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: