spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Immacolata Concezione’

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria


La sua santità [di Maria Immacolata] non era che una santità preparatoria,
incomparabilmente più elevata di quell’attesa messianica
ma sempre nella linea di quest’attesa.

(Edward Schillebeeckx)

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria


La piena di grazia ha vissuto una vita bella. Qual era il suo segreto? Possiamo coglierlo guardando ancora alla scena dell’Annunciazione. In molti dipinti Maria è raffigurata seduta davanti all’angelo con un piccolo libro in mano. Questo libro è la Scrittura. Così Maria era solita ascoltare Dio e intrattenersi con Lui. La Parola di Dio era il suo segreto: vicina al suo cuore, prese poi carne nel suo grembo. Rimanendo con Dio, dialogando con Lui in ogni circostanza, Maria ha reso bella la sua vita. Non l’apparenza, non ciò che passa, ma il cuore puntato verso Dio fa bella la vita. Guardiamo oggi con gioia alla piena di grazia. Chiediamole di aiutarci a rimanere giovani, dicendo “no” al peccato, e a vivere una vita bella, dicendo “sì” a Dio.

(Papa Francesco)

Il cuore puntato verso Dio, fa bella la vita!

Aiutaci Maria a puntare tutta la nostra vita su Dio!

Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria


Siamo in cammino, verso il Natale… facciamo tappa da Colei che ha dato inizio a quel Tutto che si è fatto frammento, come diceva il teologo Hans U. von Balthasar.
Oggi lasciamo che sia Benedetto XVI a spiegarci il senso di questa Solennità.

Cari fratelli e sorelle!
Quest’oggi celebriamo una delle feste della Beata Vergine piu’ belle e popolari: l’Immacolata Concezione. Maria non solo non ha commesso alcun peccato, ma è stata preservata persino da quella comune eredità del genere umano che è la colpa originale. E ciò a motivo della missione alla quale da sempre Dio l’ha destinata: essere la Madre del Redentore. Tutto questo è contenuto nella verità di fede dell’”Immacolata Concezione”.
Il fondamento biblico di questo dogma si trova nelle parole che l’Angelo rivolse alla fanciulla di Nazaret: “Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te” (Lc 1,28). “Piena di grazia” – nell’originale greco kecharitoméne – è il nome più bello di Maria, nome che Le ha dato Dio stesso, per indicare che è da sempre e per sempre l’amata, l’eletta, la prescelta per accogliere il dono più prezioso, Gesù, “l’amore incarnato di Dio” (Enc. Deus caritas est, 12).
Possiamo domandarci: perché, tra tutte le donne, Dio ha scelto proprio Maria di Nazaret?
La risposta è nascosta nel mistero insondabile della divina volontà. Tuttavia c’è una ragione che il Vangelo pone in evidenza: la sua umiltà. Lo sottolinea bene Dante Alighieri nell’ultimo Canto del Paradiso: “Vergine Madre, figlia del tuo Figlio, / umile ed alta più che creatura, / termine fisso d’eterno consiglio” (Par. XXXIII, 1-3). La Vergine stessa nel “Magnificat”, il suo cantico di lode, questo dice: “L’anima mia magnifica il Signore… perché ha guardato l’umiltà della sua serva” (Lc 1,46.48). Sì, Dio è stato attratto dall’umiltà di Maria, che ha trovato grazia ai suoi occhi (cfr Lc 1,30). E’ diventata così la Madre di Dio, immagine e modello della Chiesa, eletta tra i popoli per ricevere la benedizione del Signore e diffonderla sull’intera famiglia umana.
Questa “benedizione” non è altro che Gesù Cristo stesso. E’ Lui la Fonte della grazia, di cui Maria è stata colmata fin dal primo istante della sua esistenza. Ha accolto con fede Gesù e con amore l’ha donato al mondo. Questa è anche la nostra vocazione e la nostra missione, la vocazione e la missione della Chiesa: accogliere Cristo nella nostra vita e donarlo al mondo, “perché il mondo si salvi per mezzo di Lui” (Gv 3,17).
Cari fratelli e sorelle, l’odierna festa dell’Immacolata illumina come un faro il tempo dell’Avvento, che è tempo di vigilante e fiduciosa attesa del Salvatore. Mentre avanziamo incontro a Dio che viene, guardiamo a Maria che “brilla come segno di sicura speranza e di consolazione per il popolo di Dio in cammino” (Lumen gentium, 68).

(Papa Benedetto XVI)

Immacolata

maria

Il Cristianesimo non è un pensiero, ma l’annuncio di una Presenza: l’Incarnazione è un fatto accaduto. Senza la Madonna non potremmo intendere nulla del senso religioso, della pretesa cristiana e della Chiesa.

(Luigi Giussani)

Oggi la Chiesa ricorda Colei che ha reso visibile al mondo l’invisibile.

Nel cammino d’Avvento c’è una sosta doverosa… davanti a Maria.

Quando guardo una mamma in attesa, più che la pancia, mi accorgo del volto radioso, una vita sta per nascere, una vita che sconvolge le vite.

Maria è strumento dell’impossibile, inutile ricercare tra le possibilità umane l’evento della nascita di Gesù, doveroso accogliere questo dono con le nostre povere miserie e lasciarci illuminare da questo mistero che vuol fare luce nelle tenebre della nostra esistenza.

È nato un bimbo, è nato da una mamma che ha voluto condividere con tutti noi.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: