spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Giuda’

Non disperare mai


Dal Vangelo di oggi (Gv 13,21-33.36-38)

In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui.
Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte. Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Pietro, dopo la sua caduta, si è pentito ed ha trovato perdono e grazia. Anche Giuda si è pentito, ma il suo pentimento è degenerato in disperazione e così è divenuto autodistruzione. E’ per noi un invito a tener sempre presente quanto dice san Benedetto alla fine del fondamentale capitolo V della sua “Regola”: “Non disperare mai della misericordia divina”. In realtà Dio “è più grande del nostro cuore”, come dice san Giovanni (1 Gv 3,20). Teniamo quindi presenti due cose. La prima: Gesù rispetta la nostra libertà. La seconda: Gesù aspetta la nostra disponibilità al pentimento ed alla conversione; è ricco di misericordia e di perdono.

(Papa Benedetto XVI)

Un pentimento che si apre al perdono e non al rimorso. Ecco cosa dobbiamo imparare dal tradimento di Giuda e di Pietro.

Capita di sbagliare, ma il vero errore è disperare, non aprirsi alla Speranza di poter diventare persone nuove, che grazie alla Misericordia del Signore tornano a vivere una vita giusta, una vita buona, una vita felice.

Avevo già scritto in un altro post e lo riprendo:

Pietro e Giuda, tradiscono tutti e due Gesù, il rumore del sacchetto dei trenta denari e il canto del gallo hanno suscitato nel cuore dei due discepoli, la sensazione di aver commesso un grosso sbaglio, nei confronti del Maestro. La differenza sta nella reazione. Uno si lascia prendere dalla disperazione, e rimane senza vita appeso ad un albero, l’altro si apre allo sguardo d’amore e di misericordia del suo Signore e diventa la roccia su cui Gesù fonda la sua Chiesa. Uno è rimasto appeso all’albero della morte, l’altro all’albero della vita. Anche Papa Francesco ce lo ha ricordato: «Non siate mai uomini, donne tristi: un cristiano non può mai esserlo. Non lasciatevi prendere mai dallo scoraggiamento».

Annunci

Giuda e la misericordia


Siamo entrati da poco nella settimana Santa e in questi giorni (lun,mar,mer) ci viene presentata la figura di Giuda. Una figura che si inserisce nel cammino verso la Pasqua, ci vuol forse sottolineare l’importanza dell’insuccesso e della sconfitta sulla vita di Giuda?

Io credo che sia un modo, invece per sottolineare, quanto sia importante, non lasciarsi andare nello sconforto, non condannarci da soli, non pensare di rimanere fuori dalla misericordia infinita di Gesù.

La Chiesa, che ha canonizzato tanti individui, non si è mai pronunciata sulla dannazione di alcuno. Neppure su quella di Giuda, che divenne per così dire l’esponente di quello di cui tutti i peccatori sono corresponsabili. Chi può sapere di che tipo fu il pentimento che egli provò, quando vide che Gesù era stato condannato (Mt 27,3)? (Hans Urs von Balthasar)

Il pensiero di questo profondo teologo, che stimo molto, mi ha fatto pensare al volto misericordioso di Gesù.

Se solo Giuda avesse avuto il coraggio di incrociare il volto di Gesù, non si sarebbe mai disperato per averlo tradito.

Ecco la differenza tra Giuda e Pietro!

Pietro si lascia attraversare dallo sguardo misericordioso di Gesù, Giuda invece si fa giustizia da solo. Non riesce a sopportare il peso di un tradimento così grande!
Gesù non condanna nessuno, purtroppo è Giuda che si condanna da solo.

La figura di Giuda, ci aiuti sempre più ad avere il coraggio di rialzarci dopo ogni caduta, avere il coraggio di incrociare lo sguardo misericordioso di Cristo, uno sguardo che non condanna, uno sguardo che riscatta, che rialza, che ridona dignità!

Chicchirichì

Dal Vangelo di oggi (Gv 13,21-33.36-38):
In quel tempo, [mentre era a mensa con i suoi discepoli,] Gesù fu profondamente turbato e dichiarò: «In verità, in verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardavano l’un l’altro, non sapendo bene di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece cenno di informarsi chi fosse quello di cui parlava. Ed egli, chinandosi sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose Gesù: «È colui per il quale intingerò il boccone e glielo darò». E, intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda, figlio di Simone Iscariòta. Allora, dopo il boccone, Satana entrò in lui. Gli disse dunque Gesù: «Quello che vuoi fare, fallo presto». Nessuno dei commensali capì perché gli avesse detto questo; alcuni infatti pensavano che, poiché Giuda teneva la cassa, Gesù gli avesse detto: «Compra quello che ci occorre per la festa», oppure che dovesse dare qualche cosa ai poveri. Egli, preso il boccone, subito uscì. Ed era notte.Quando fu uscito, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito. Figlioli, ancora per poco sono con voi; voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire». Simon Pietro gli disse: «Signore, dove vai?». Gli rispose Gesù: «Dove io vado, tu per ora non puoi seguirmi; mi seguirai più tardi». Pietro disse: «Signore, perché non posso seguirti ora? Darò la mia vita per te!». Rispose Gesù: «Darai la tua vita per me? In verità, in verità io ti dico: non canterà il gallo, prima che tu non m’abbia rinnegato tre volte».

Non è mai piacevole riconoscere i propri errori, lo sa bene Pietro, ma è sempre piacevole sapere che nonostante i nostri errori ci sia Qualcuno che è sempre disposto a perdonarci, perché ci ama infinitamente.

Il canto del gallo deve essere per noi, la sveglia che ci desta dal sonno del peccato, forza è vicina la Pasqua, corri incontro al Signore verso un abbraccio di Misericordia. Non c’è cosa più grave che non lasciarsi amorevolmente perdonare da Gesù.