spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘futuro’

Dove andiamo?

bel
La vita può essere capita solo all’indietro, ma va vissuta in avanti.
(Soren Kierkegaard)

È importante capire da dove veniamo, chi siamo, ma ancor più importante è capire dove andiamo.

Annunci

Andare avanti

Pentimento non è auto compassione o rimorso, ma conversione, incentrare la nostra vita sulla Trinità.
Non è guardare indietro con disgusto, ma avanti con speranza.
Non significa guardare in basso ai nostri errori, ma in alto all’amore di Dio.
Non significa guardare ciò che non siamo riusciti a essere, ma ciò che – per grazia divina – possiamo diventare.
(K. Ware)

Pentimento non riguarda il passato, ma il futuro!

Convertirsi significa cambiare strada non per tornare indietro, ma per andare avanti.

Passato Presente Futuro

Il mondo finisce, ma l’amore di Dio per le sue creature non finirà mai!

Dal Vangelo di oggi (Mc 13,24-32):

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«In quei giorni, dopo quella tribolazione,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
le stelle cadranno dal cielo
e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».

Siamo figli della Speranza perché dove c’è futuro non c’è disperazione!

Si è disperati quando si pensa che non esista più un futuro. Ne fanno esperienza coloro che hanno perso un lavoro e non riescono proprio a trovarne un altro… si scoraggiano, la loro vita non ha più un senso perché il loro futuro sembra non esista più.
Purtroppo molte volte anche noi disperiamo di trovare Pace e Giustizia per il mondo. Ma il Vangelo di oggi ci dice che Cristo è venuto per porre fine al male, quando tornerà sulla Terra, non ci sarà più tenebra e per noi sarà un futuro di luce eterna!
Come allora vivere il tempo che ci è concesso prima di vivere la luce eterna?
Rivedere nel passato tutte le volte che il Signore nei momenti più tenebrosi è venuto a portare una luce di speranza.
Essere presenti, nel tempo presente, non scoraggiarsi e accompagnare la venuta del Signore con un’attesa vigilante… che il nostro vivere sia un vivere per Lui e con Lui.
Sperare e credere nella sua venuta, perché il futuro che ci aspetta è un futuro di amore eterno!

Passato, presente, futuro

il giorno d’oggi Dio te lo dà è tuo, vivilo in lui.
Il giorno di domani è di Dio, non ti appartiene.
Non portare sul domani la preoccupazione di oggi.
Il domani è di Dio: affidaglielo.
Il momento presente è una fragile passerella:
se lo carichi dei rimpianti di ieri,
dell’inquietudine di domani, la passerella cede e tu perdi piede.
Il passato? Dio lo perdona.
L’avvenire? Dio lo dona.
Vivi il giorno d’oggi in comunione con lui.

Suor Odette Prévost (uccisa in Algeria, il 10 novembre 1995)