spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Efrem il Siro’

L’oro che abbaglia


Abbi pietà, Signore, dei ciechi che vedono soltanto l’oro.

(Efrem il Siro)

La ricchezza dell’oro abbaglia e non ci fa vedere nient’altro che quella scintilla di piacere. La vera ricchezza, quella del saper amare, illumina e dona una vista buona, quella che scorge i fratelli caduti nelle tenebre della miseria.

Annunci

Bellezze svariate

Il Signore ha colorato la sua parola di bellezze svariate, perché coloro che la scrutano possano contemplare ciò che preferiscono. (Efrem il Siro)

Le tante sfumature dell’unica Parola esistono perché vi sono tanti cuori diversi ad accoglierla.

La Parola non cambia mai, il tuo cuore invece cambia sempre… Oggi leggi un versetto del Vangelo e ti dice qualcosa, tra un mese magari te ne suggerisce un’altra!

La Parola di Dio è sempre viva, siamo noi alcune volte ad essere morti e a vedere tutto grigio.

Efrem il Siro

Dal Vangelo di oggi (Mt 5,1-12a)
In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi».

…Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli

Abbi pietà, Signore, dei ciechi che vedono soltanto l’oro.
(S.Efrem il Siro)