spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Card. Carlo Maria Martini’

Prossimo si diventa


Il prossimo non è qualcosa che esiste già. Prossimo si diventa. Prossimo non è colui che ha già con me rapporti di sangue, di razza, di affari, di affinità psicologica. Prossimo divento io stesso nell’atto in cui, davanti a una persona, anche davanti al forestiero e al nemico, decido di fare un passo che mi avvicina, che mi approssima.

(Carlo Maria Martini)

Aiutami Signore a fare passi che mi rendono prossimo… che io possa essere sempre vicino alle persone come hai fatto Tu.

Annunci

Gesti a favore


Un gesto sarà tanto più comunicativo quanto non solo comunicherà informazioni, ma metterà in rapporto le persone.

(Card. Carlo Maria Martini)

Il gesto della croce se non mi mette in relazione col mondo, è un gesto senza significato. Col gesto della croce dico ai fratelli la mia disposizione a farmi dono per loro! Questa è la verità dell’essere cristiani.

Come Dio ha amato me così anch’io amo voi.

Festa internazionale dei bambini

SDC10314
Festa Internazionale Dei Bambini: Da non confondere con la Giornata Mondiale del Bambino (20 novembre) anche se in pratica hanno lo stesso scopo. La Conferenza Mondiale di Ginevra sui diritti dell’infanzia dell’agosto del 1925 ha deciso di dedicare l’intera giornata del 1 giugno ai bambini. Lo scopo della Giornata Internazionale del Bambino è quello di attirare l’interesse pubblico sui bisogni e i diritti dei più piccoli. 
Oggi il mio pensiero è per tutti quei bambini a cui hanno rubato il diritto di una vita felice!
Il bambino trova tutto naturale e tutto grande, tutto in qualche modo molto bello, perchè lo allarga con i suoi sogni.

(Carlo Maria Martini)
Non rubiamo ai bimbi il sogno di una vita felice!

Tempo pieno

“Il tempo è denaro”, dice un proverbio e bisogna darsi da fare perché fruttifichi al massimo! Il proverbio latino corrispondente è il carpe diem: afferra l’attimo fuggente! “Quant’è bella giovinezza / che si fugge tuttavia / Chi vuol essere lieto sia: / di doman non c’è certezza”.[3]
Insomma, se il tempo fugge, inseguiamolo senza tregua, per averne il più possibile a nostro vantaggio. Se ci incalza, affrontiamolo con foga, in modo da ricavarne tutte le soddisfazioni possibili prima di esserne sconfitti. Se ci svuota di energie, preveniamolo con astuzia, stipandolo di bene e di benessere senza perdere neppure un istante. Sono tanti i modi di riempire il tempo per illudersi di possederlo.

(Card. Carlo Maria Martini)

Non pensare a come riempire il tuo tempo…

Pensa a come riempire la tua vita.

Non ho tempo

La parola “Non ho tempo” la diciamo e l’ascoltiamo così spesso che ci pare come un condensato dell’esperienza comune. Noi abbiamo un’acuta percezione della sproposizione tra il tempo che abbiamo e le sempre più numerose opportunità a nostra disposizione, e insieme le molteplici scadenze, urgenze, attese che ci incalzano. Ma se potessimo dilatare a dismisura il nostro tempo, se potessimo avere, come talora ci capita di desiderare, una giornata di quarantotto ore invece di ventiquattro, la nostra inquietudine si placherebbe? Certo, riusciremo a fare molte più cose (almeno lo pensiamo). È però questo ciò di cui abbiamo bisogno? Non credo. L’ansia che ci prende al pensiero dello scorrere del tempo non dipende dal numero delle ore che abbiamo a disposizione. (Card. Carlo Maria Martini)

Bellissima riflessione… meriterebbe spendere un po’ di tempo per meditare queste profondissime parole. Sicuramente non sarebbe una perdita di tempo.