spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Articoli con tag ‘Antoine de saint-exupéry’

Non siamo solo numeri


Il 6 Aprile 1943 veniva pubblicato il libro di Antoine de Saint-Exupéry: “Il Piccolo Principe”, un libro che ha davvero emozionato tanti cuori e che ha fatto riflettere in molti sul senso della vita.

Agli adulti piacciono i numeri. Quando raccontate loro di un nuovo amico, non vi chiedono mai le cose importanti. Non vi dicono: «Com’è il suono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» Le loro domande sono: «Quanti anni ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» Solo allora pensano di conoscerlo.
(Antoine de Saint-Exupéry – Il Piccolo Principe)

Non è la quantità di persone che ti sta intorno che ti rende felice bensì la qualità.

Se ti chiedono quanti amici hai, non rispondere con un numero… dì loro: “abbastanza per rendere il mio cuore vivo per ognuno di loro.”

La nostalgia di un amore vero

Se vuoi costruire una nave non devi per prima cosa affaticarti a chiamare la gente a raccogliere la legna e a preparare gli attrezzi; non distribuire i compiti, non organizzare il lavoro.
Ma invece prima risveglia negli uomini la nostalgia del mare lontano e sconfinato.
Appena si sarà risvegliata in loro questa sete si metteranno subito al lavoro per costruire la nave.

(Antoine de Saint-Exupéry, Il Piccolo Principe)

Per costruire il Regno, dobbiamo mettere nel cuore delle persone, la nostalgia di un amore infinito… di un amore che non tradisce, che non possiede che non imprigiona.

È una follia

È una follia odiare tutte le rose perché una spina ti ha punto, abbandonare tutti i sogni perché uno di loro non si è realizzato, rinunciare a tutti i tentativi perché uno è fallito.

È una follia condannare tutte le amicizie perché una ti ha tradito, non credere in nessun amore solo perché uno di loro è stato infedele, buttare via tutte le possibilità di essere felici solo perché qualcosa non è andato per il verso giusto.

Ci sarà sempre un’altra opportunità, un’altra amicizia, un altro amore, una nuova forza. Per ogni fine c’è un nuovo inizio. (Il Piccolo Principe)

E’ una follia non credere più all’amore!

Le proprie miserie

L’uomo è ricco anche delle proprie miserie. (Antoine de Saint Exupéry)

Vi è una partenza comune a tutti gli uomini che vogliono essere migliori. Dobbiamo partire dalla nostra condizione di miseria, dal nostro limite. È una ricchezza sapere che se devo scavalcare un muro di tre metri è meglio avere una scala!

La fatica più grande è lasciarsi aiutare.. per colpa dell’orgoglio o della vergogna… ma se uno capisce che un salto di tre metri non lo può fare, allora ben venga l’aiuto di una scala!

Se avete delle ferite grandi, non lasciate che continuino a far sanguinare il vostro cuore, lasciate che ci sia qualcuno che possa aiutarvi…

La vera ricchezza è scoprire che c’è sempre qualcuno che possa venire in sostegno alla nostra miseria!

Conta su di me

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne

Non confondere l’amore col delirio del possesso, che causa le sofferenze più atroci. Perché contrariamente a quanto comunemente si pensa, l’amore non fa soffrire. Quello che fa soffrire è l’istinto della proprietà, che è il contrario dell’amore. (Antoine de saint-exupéry)

Ad una donna più che dire “sei mia”, bisognerebbe dire “conta su di me”.

Cloud dei tag