spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

La carità


Sapreste qual è, o cari, quella virtù che si chiama per eccellenza la virtù regina? Qual è quella virtù che è base e fondamento, principio e fine di tutte le altre virtù, fonte perenne di tutto ciò che vi è di più nobile, di più grande, di più caro a Dio? Sapreste qual è quella virtù che come sole nuovo, stendendo la sua luce sopra tutte le azioni, le abbellisce, le rende degne della santità eterna? Sapreste voi dirmi quale sia quella virtù che, al dire dell’Apostolo Paolo, se manca, tutte le altre virtù, tutte le grazie più distinte, il dono dei miracoli, delle profezie, delle lingue, della scienza di tutti i misteri, si risolvono a niente, non servono a nulla, non sono che una voce che si sparge e si perde nell’aria, e ci rende simili ad un bronzo che suona, ad un cembalo che tintinna? Qual è dunque questa così eccelsa, così sublime virtù? Essa è la carità. Ecco la più bella, la più eccellente virtù. La carità. Essa ha un principio che è degno di sé, viene dalla preghiera medesima. Figlia del Cielo, alla sua prima origine risale né mai si ferma che in Dio. Essa è degna di Dio e a Dio solo si riferisce, perché è Dio che la ispira. Essa non conosce orgoglio, salvo che per trionfare, non l’amor proprio salvo che per sacrificarlo, non la natura salvo che per farla perfetta, non l’uomo salvo che al fine di renderlo santo. Essa è la carità, che se soffre, non si sdegna, se corregge non insuperbisce, non insulta, non cerca il suo piacere, ma nasconde lo sbaglio altrui. Essa è la carità, che dove un uomo la sollecita, corre e non lo guarda in faccia, anzi cerca ogni via per nascondere, per celare il suo operato. Essa è la carità, che ha fratelli, familiari, amici ovunque sono uomini, sia nelle selve o nelle miniere, o nelle più remote isole. Essa è la carità, che le immense pianure non arrestano, non gli sterminati mari, né le catene delle più alte montagne. Dalle opere si conosce l’amore, poiché l’amore non è un vero amore, se non opera cose grandi, se ricusa di operare non è vero amore. La Carità è come il fuoco, o brucia o si spegne. Potrà star ferma l’aria, l’acqua potrà stagnarsi, ma il fuoco mai, egli o avvampa o muore. Tutte le altre virtù potranno far sosta, ma la carità mai, conviene o che operi o che muoia.

(Sant’Arcangelo Tadini)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: