spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per 15/12/2019

III Domenica di Avvento (A)


Gaudete in Domino

Prima Lettura (Is 35,1-6.8.10)

Si rallegrino il deserto e la terra arida,
esulti e fiorisca la steppa.
Come fiore di narciso fiorisca;
sì, canti con gioia e con giubilo.
Le è data la gloria del Libano,
lo splendore del Carmelo e di Saron.
Essi vedranno la gloria del Signore,
la magnificenza del nostro Dio.
Irrobustite le mani fiacche,
rendete salde le ginocchia vacillanti.
Dite agli smarriti di cuore:
«Coraggio, non temete!
Ecco il vostro Dio,
giunge la vendetta,
la ricompensa divina.
Egli viene a salvarvi».
Allora si apriranno gli occhi dei ciechi
e si schiuderanno gli orecchi dei sordi.
Allora lo zoppo salterà come un cervo,
griderà di gioia la lingua del muto.
Ci sarà un sentiero e una strada
e la chiameranno via santa.
Su di essa ritorneranno i riscattati dal Signore
e verranno in Sion con giubilo;
felicità perenne splenderà sul loro capo;
gioia e felicità li seguiranno
e fuggiranno tristezza e pianto.

Vangelo (Mt 11,2-11)

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!». Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

Accorgersi delle promesse mantenute.

Aprire gli occhi e riconoscere di aver ripreso il cammino, di aver riaperto le orecchie. Di aver ascoltato la Sua Parola di luce, le gambe rinvigorite desiderano correre in contro al Signore che viene. Il rumore di catene spezzate e cuori riaccesi.

Giovanni si accerta! Davvero Signore sei Tu?! Incredibile! Dopo tanta attesa le parole del profeta diventano carne!

Quasi da non credere… ma tutto si compie! I ciechi vedono, gli zoppi camminano, i sordi sentono, i muti parlano…

Tutti i sensi si risvegliano!

Sono Io… è l’annuncio che i poveri aspettavano… sono io che vengo a darti ricchezza, a dare pieno senso alla tua vita!

Oggi la Gioia deve farsi spazio nel nostro cuore, Dio mantiene le sue promesse e nonostante le tenebre di questo mondo, nel cuore uno squarcio di luce è pronto a rallegrare tutta la nostra vita!

Sguardo, cammino, ascolto, voce, vita… tutto si accende, tutto si illumina!

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: