spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono


San Nicolao contemplava il simbolo della ruota a sei raggi, che raffigurava l’attività interna (ad intra) della Trinità e l’attività esterna (ad extra). Un pellegrino che fece visita al santo così ne descrive la spiegazione che l’eremita gli diede:

«Se non ti dispiace, disse Nicola al pellegrino, ti farò anche vedere il mio libro; lì sopra studiò, e cercò l’arte di questa dottrina. Egli mi portò una figura disegnata come una ruota a sei raggi. (qui il pellegrino disegna due ruote concentriche, l’una circa tre volte più grande dell’altra, unite tra loro da sei angoli, tre diretti verso la ruota interna, e gli altri tre, che si alternano con i precedenti, diretti verso la ruota esterna). La sollevò e mi disse: Vedi questa figura? Così è l’Essenza divina. Allora cominciò a spiegarla con una sicurezza ed una dolcezza incomparabili. Vedi questa figura? Al centro è l’essenza divina, la Divinità indivisa, in cui si rallegrano tutti i santi. Le tre punte che vanno verso il cerchio interno, sono le tre Persone: esse escono dall’unica divinità, abbracciano il cielo ed anche il mondo intero, che dipendono dalla loro potenza. E come escono con una forza divina, così rientrano; ed esse sono unite, e inseparabili in eterna potenza. Ecco il significato di questo disegno. Ora, ti parlerò anche della pura ancella Maria, che è una regina del cielo e della terra. Ella è stata prevista dalla divina Sapienza. Fu investita da questa divina Sapienza dal momento in cui Dio decise di crearla. È stata dapprima concepita nel pensiero del Dio altissimo, prima di esserlo nel seno della sua propria madre. E tutta la grazia che le era destinata in anticipo è entrata in lei come un potente aiuto nel momento in cui fu concepita. Per questo è pura, delicata e immacolata. Quindi la virtù dell’Altissimo è uscita, l’ha avvolta, l’ha colmata con forza dello Spirito Santo. Vedi, nella ruota, il raggio che parte dal cerchio interno: è largo all’interno, e termina con una punta; ora, secondo il significato e secondo la forma dei raggi, immaginati il Dio onnipotente: egli copre e abbraccia tutti i cieli; tuttavia, come un fanciullino, ecco che egli entra nella Vergine altissima e nasce da lei senza rompere la sua verginità. Ed ecco che il suo corpo delicato, ce lo ha dato come nutrimento, unito alla divinità che ne è inseparabile. Guarda questo altro raggio che è anche lui largo vicino al cerchio interno e piccolo contro il cerchio esterno, all’infuori: così la grande potenza del Dio onnipotente è contenuta sotto le apparenze della piccola ostia. Ed ora osserva l’ultimo raggio della ruota, che è anch’esso largo vicino al cerchio interno e piccolo verso l’esterno: è il simbolo della nostra vita, breve e passeggera. In questo breve tempo, potessimo noi con l’amore divino meritare una gioia indicibile che mai avrà fine. Ecco il significato della mia ruota.»

(Nicola di Flüe)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: