spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per 07/10/2018

XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B)


Due cuori che diventano uno: il miracolo dell’Amore!

Dal Vangelo di oggi (Mc 10,2-16)

In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto». A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio». Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

La prima vocazione è quella di essere marito e moglie, papà e mamma. L’inerzia della vita con le sue frenesie e le sue noie, il logorio della convivenza, il fatto che ciascuno sia prima o poi una delusione per l’altro quando emergono e si irrigidiscono difetti e cattiverie, tutto questo finisce per far dimenticare la benedizione del volersi bene, del vivere insieme, del mettere al mondo i figli e introdurli nella vita. L’amore che ha persuaso al matrimonio non si riduce all’emozione di una stagione un po’ euforica, non è solo un’attrazione che il tempo consuma. L’amore sponsale è vocazione: nel volersi bene, marito e moglie possono riconoscere la chiamata del Signore.

Il matrimonio non è solo la decisione di un uomo e di una donna: è la grazia che attrae due persone mature, consapevoli, contente, a dare un volto definitivo alla propria libertà. Il volto di due persone che si amano rivela qualcosa del mistero di Dio. Vorrei pertanto invitare a custodire la bellezza dell’amore sponsale e a perseverare in questa vocazione: ne deriva tutta una concezione della vita che incoraggia la fedeltà, consente di sostenere le prove, le delusioni, aiuta ad attraversare le eventuali crisi senza ritenerle irrimediabili.

(Carlo Maria Martini)

Un uomo e una donna, due cuori che diventano uno: il miracolo dell’amore!

Il senso pieno della felicità è l’amore e la vocazione naturale è che due cuori si incontrino e diventino una cosa sola!

In ogni uomo, c’è il desiderio di famiglia, il desiderio di amare e sentirsi amato, il desiderio di una certa stabilità, di un futuro insieme alla persona amata.

Alcuni sono resi eunuchi per il regno dei cieli… alcuni (la minor parte) sono chiamati a vivere a sostegno della vocazione naturale (la famiglia), sono chiamati ad avere un cuore indiviso, un cuore per tutti…

Signore continua a sostenere le famiglie, continua a far capire che l’amore è l’unica strada per essere felici e l’amore che tu ci proponi è fedele, indissolubile, fecondo…

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: