spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per maggio, 2018

Mamme in attesa


Oggi la liturgia ci propone Maria in visita alla cugina Elisabetta.

Mamme in attesa di vedere con i propri occhi cosa già vedevano con i cuori. Una promessa realizzata.

Si avvera l’impossibile, si riconosce la Grazia di Dio e cantando si dice Grazie! Magnificat!

Una mamma lo sa che un figlio ti rende piena la vita…

Penso a mia mamma che 38 anni fa ha dato alla luce me e mio fratello… penso al suo cuore colmo di riconoscenza.

Ogni anno è bello dire grazie, per il dono della vita, per il dono della fede e per il dono del ministero.

Quest’anno in particolar modo ringrazio il Signore per avermi donato la possibilità di prendermi cura della comunità che mi ha visto nascere e muovere i primi passi da giovane prete.

Il tempo è prezioso


Il tempo è gioiello che oggi ha un prezzo inestimabile, domani non più.

(San Giuseppe Marello)

Il tempo è prezioso se iniziamo ad amare oggi, senza aspettare domani.

Il cuore della fede


Il cuore della fede cristiana è esattamente questo:
credere l’incredibile,
amare chi non è amabile,
sperare contro ogni speranza.

(Ermes Ronchi)

Respirare aria di cielo


Noi abbiamo bisogno di una cura disintossicante,
abbiamo bisogno di essere riossigenati,
di respirare a pieni polmoni un po’ di aria di cielo.

(Daniel Ange)

Quando la testa si fa pesante e gli occhi si abbassano sulle nostre miserie, dobbiamo trovare la forza di alzare lo sguardo e respirare un po’ di aria di cielo.

Santissima Trinità


Vincere l’odiosa divisione del mondo

Dal Vangelo di oggi (Mt 28,16-20)

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Contemplando la Santissima Trinità,

vincere l’odiosa divisione di questo mondo

(San Sergij Radonežskij)

Ogni volta che facciamo il segno della croce, invochiamo il potere della Trinità, il potere dell’amore che si dona…

Lì dove manca l’amore, vi è divisione… dove c’è divisione c’è dolore e sofferenza.

Nella Solennità della Santissima Trinità contempliamo la relazione perfetta, l’unità, l’amore vicendevole.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: