spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per 21/07/2017

La tua presenza, nella mia incostanza


Signore accetta, ti prego
le mie distrazioni, la mia fatica,
le mie impazienze
e i miei vagabondaggi senza fede.
Tu mi conosci
più profondamente e pienamente
Di quanto io non conosca me stesso…
Volgiti verso di me,
guarda tutta la mia miseria
e confusione interiore
e fa’ che io senta la tua presenza
in mezzo alla mia inquietudine.

(Henri Nouwen)

 

Grazie Signore per la tua puntuale presenza, nella mia sovente incostanza.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: