spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per giugno, 2017

Il Regno dell’Amore


Il regno di Dio è anche il regno dell’uomo, perché è la condizione che permette all’uomo di realizzare i suoi desideri più profondi, di amore, di felicità, di eternità, di libertà. Soprattutto di amore, perché Dio è amore e il regno di Dio è il regno dell’amore.

(Padre Raniero Cantalamessa)

Quando il Vangelo ci dice che non siamo lontani dal Regno di Dio, ci vuol dire che non siamo lontani dal poter realizzare i nostri sogni, i nostri desideri di felicità. Unico modo è l’amore!
Nel mondo odio e cattiveria sono ospiti indesiderati… Basta l’amore perché non trovino più spazio in mezzo a noi.

Santi Pietro e Paolo


Oggi festeggiamo due colonne portanti della Chiesa: gli apostoli Pietro e Paolo.
Non ammiro Pietro che rinnega, spergiurando, il Cristo, né la sua fede vacillante quando cammina sulle acque. Ciò nonostante, il suo rinnegamento e la sua esitazione mi sono d’aiuto nel cammino della santità. Anch’io ho vacillato e sono caduto; e se non m’è dato di piangere come Pietro, posso almeno gridare con lui: “Salvami, o Signore, se non vuoi ch’io mi perda!”.
Non posso ammirare Saulo che custodisce le vesti dei lapidatori di Stefano e cavalca da Gerusalemme a Damasco, spirante minacce e stragi contro tutti i cristiani. Sotto questo aspetto, Saulo, persecutore dei discepoli di Gesù è, a sua volta, un tipo detestabile. Tuttavia Saulo, divenuto Paolo mi incoraggia. Se lui poté cambiare l’odio in amore, la mia speranza vive ancora.
Analoghe riflessioni si possono fare con molti altri, anzi, con la maggior parte de santi. La debolezza dei loro inizi mi dà la forza, la loro santità finale ispirazione. Ringrazio Iddio per Agostino peccatore trasformato in santo; per Alfonso che, all’età di ottant’anni, dice a un tizio: “Se dobbiamo parlarci, collochiamo fra noi un tavolo: non si sa mai! C’è ancora del sangue nelle mie vene!”.
Ringrazio Dio per tutti quelli che da principio non furono che uomini, ma in seguito, con la loro cooperazione, lo sforzo personale e il duro lavoro divennero virtuosi e spirituali.

(Padre Marcel Raymond)

Pietro e Paolo hanno in comune con noi l’essere peccatori, che non si sono lasciati ingabbiare dalla propria debolezza, ma hanno trovato forza in Gesù, fino a donare la loro stessa vita.

Dio, non sceglie persone impeccabili, perfette, sceglie due giovani che dicono loro stessi di essere peccatori. «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore» (Lc 5,8) diceva Pietro. E Paolo « Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori e di questi il primo sono io » (1 Tim. 1, 15).

Per seguire Gesù, non dobbiamo essere perfetti, dobbiamo essere innamorati.

Infatti Gesù prima di lasciare a Pietro il compito di pascere le sue pecore, fa una domanda essenziale: Pietro mi ami tu?

Il problema dell’elemosina


Oggi è il compleanno di Muahmmad Yunus, economista e banchiere originario del Bangladesh, È ideatore e realizzatore del microcredito moderno, ovvero di un sistema di piccoli prestiti destinati ad imprenditori troppo poveri per ottenere credito dai circuiti bancari tradizionali. Per i suoi sforzi in questo campo ha vinto il premio Nobel per la pace 2006. Oggi un suo pensiero mi stimola ad interrogarmi su come aiutare i fratelli più poveri, soprattutto quelli che da sempre chiedono l’elemosina.

L’elargizione di denaro non costituisce una soluzione, né a breve né a lungo termine. Il mendicante passerà a un’altra auto, e poi a un’altra ancora, affidandosi per sopravvivere a un meccanismo senza via d’uscita. […] La carità può avere effetti devastanti. Chi raccoglie denaro mendicando non è motivato a migliorarsi; […] mendicare priva l’uomo della sua dignità. […] lo rende passivo e incline a una mentalità parassitaria.

(Muhammad Yunus)

 

Sono molti quelli che si interrogano se sia giusto oppure no dare soldi agli elemosinanti.

Io credo che sicuramente è molto più semplice, per noi tenerci la coscienza tranquilla e di tanto in tanto allungare una monetina (che non ci costa alcuna fatica), a coloro che mendicano per strada.

Certo molto più faticoso, cercare per queste persone un riscatto… e capisco che diventa impossibile individualmente. Credo che sia compito delle comunità prendersi cura di queste persone, ma capisco che non è per niente semplice.

Come comunità cristiana però non possiamo non tenere conto di questo… credo sia proprio quell’impossibile che ci scoraggia, ci sentiamo impotenti e spendiamo le nostre energie preziose in altri ambiti pur sempre importanti.

Il Vangelo però ci illumina sulle priorità, i poveri dovrebbero essere sempre la preoccupazione primaria delle nostre comunità, ma spesso non è così.

Senza scoraggiarsi, dobbiamo però dircelo, credo che il mondo abbia bisogno di una Chiesa che si spenda per i poveri.

Aiutaci Signore a trovare i mezzi, le soluzioni, le persone giuste per poter annunciare al mondo il tuo Vangelo, per poter testimoniare il tuo amore verso i più bisognosi, ma soprattutto aiutaci a non scoraggiarci se molte volte il nostro egoismo, la nostra pigrizia, i nostri scarsi mezzi ci rendono impotenti di fronte ai fratelli più poveri.

Per chi vuole approfondire qui sotto il pensiero di Papa Francesco nell’Evangelii Gaudium:

186. Dalla nostra fede in Cristo fattosi povero, e sempre vicino ai poveri e agli esclusi, deriva la preoccupazione per lo sviluppo integrale dei più abbandonati della società.

Uniti a Dio ascoltiamo un grido

187. Ogni cristiano e ogni comunità sono chiamati ad essere strumenti di Dio per la liberazione e la promozione dei poveri, in modo che essi possano integrarsi pienamente nella società; questo suppone che siamo docili e attenti ad ascoltare il grido del povero e soccorrerlo. (…)
Rimanere sordi a quel grido, quando noi siamo gli strumenti di Dio per ascoltare il povero, ci pone fuori dalla volontà del Padre e dal suo progetto, perché quel povero «griderebbe al Signore contro di te e un peccato sarebbe su di te» (Dt 15,9). (…)

188. La Chiesa ha riconosciuto che l’esigenza di ascoltare questo grido deriva dalla stessa opera liberatrice della grazia in ciascuno di noi, per cui non si tratta di una missione riservata solo ad alcuni: «La Chiesa, guidata dal Vangelo della misericordia e dall’amore all’essere umano, ascolta il grido per la giustizia e desidera rispondervi con tutte le sue forze».(…) La parola “solidarietà” si è un po’ logorata e a volte la si interpreta male, ma indica molto di più di qualche atto sporadico di generosità. Richiede di creare una nuova mentalità che pensi in termini di comunità, di priorità della vita di tutti rispetto all’appropriazione dei beni da parte di alcuni.

189. La solidarietà è una reazione spontanea di chi riconosce la funzione sociale della proprietà e la destinazione universale dei beni come realtà anteriori alla proprietà privata. Il possesso privato dei beni si giustifica per custodirli e accrescerli in modo che servano meglio al bene comune, per cui la solidarietà si deve vivere come la decisione di restituire al povero quello che gli corrisponde. Queste convinzioni e pratiche di solidarietà, quando si fanno carne, aprono la strada ad altre trasformazioni strutturali e le rendono possibili. Un cambiamento nelle strutture che non generi nuove convinzioni e atteggiamenti farà sì che quelle stesse strutture presto o tardi diventino corrotte, pesanti e inefficaci.

190. A volte si tratta di ascoltare il grido di interi popoli, dei popoli più poveri della terra, perché «la pace si fonda non solo sul rispetto dei diritti dell’uomo, ma anche su quello dei diritti dei popoli». (…) Bisogna ripetere che «i più favoriti devono rinunciare ad alcuni dei loro diritti per mettere con maggiore liberalità i loro beni al servizio degli altri».Per parlare in modo appropriato dei nostri diritti dobbiamo ampliare maggiormente lo sguardo e aprire le orecchie al grido di altri popoli o di altre regioni del nostro Paese. Abbiamo bisogno di crescere in una solidarietà che «deve permettere a tutti i popoli di giungere con le loro forze ad essere artefici del loro destino», così come «ciascun essere umano è chiamato a svilupparsi».

196. A volte siamo duri di cuore e di mente, ci dimentichiamo, ci divertiamo, ci estasiamo con le immense possibilità di consumo e di distrazione che offre questa società. Così si produce una specie di alienazione che ci colpisce tutti, poiché «è alienata una società che, nelle sue forme di organizzazione sociale, di produzione e di consumo, rende più difficile la realizzazione di questa donazione e la formazione di quella solidarietà interumana».

Il posto privilegiato dei poveri nel Popolo di Dio

197. Nel cuore di Dio c’è un posto preferenziale per i poveri, tanto che Egli stesso «si fece povero» (2 Cor 8,9). Tutto il cammino della nostra redenzione è segnato dai poveri. Questa salvezza è giunta a noi attraverso il “sì” di una umile ragazza di un piccolo paese sperduto nella periferia di un grande impero. (…)

198. Per la Chiesa l’opzione per i poveri è una categoria teologica prima che culturale, sociologica, politica o filosofica. Dio concede loro «la sua prima misericordia».Questa preferenza divina ha delle conseguenze nella vita di fede di tutti i cristiani, chiamati ad avere «gli stessi sentimenti di Gesù» (Fil 2,5). Ispirata da essa, la Chiesa ha fatto una opzione per i poveri intesa come una «forma speciale di primazia nell’esercizio della carità cristiana, della quale dà testimonianza tutta la tradizione della Chiesa».(…) È necessario che tutti ci lasciamo evangelizzare da loro. La nuova evangelizzazione è un invito a riconoscere la forza salvifica delle loro esistenze e a porle al centro del cammino della Chiesa. Siamo chiamati a scoprire Cristo in loro, a prestare ad essi la nostra voce nelle loro cause, ma anche ad essere loro amici, ad ascoltarli, a comprenderli e ad accogliere la misteriosa sapienza che Dio vuole comunicarci attraverso di loro.

199. Il nostro impegno non consiste esclusivamente in azioni o in programmi di promozione e assistenza; quello che lo Spirito mette in moto non è un eccesso di attivismo, ma prima di tutto un’attenzione rivolta all’altro «considerandolo come un’unica cosa con se stesso».(…)

200. Dal momento che questa Esortazione è rivolta ai membri della Chiesa Cattolica, desidero affermare con dolore che la peggior discriminazione di cui soffrono i poveri è la mancanza di attenzione spirituale. L’immensa maggioranza dei poveri possiede una speciale apertura alla fede; hanno bisogno di Dio e non possiamo tralasciare di offrire loro la sua amicizia, la sua benedizione, la sua Parola, la celebrazione dei Sacramenti e la proposta di un cammino di crescita e di maturazione nella fede. L’opzione preferenziale per i poveri deve tradursi principalmente in un’attenzione religiosa privilegiata e prioritaria.

201. Nessuno dovrebbe dire che si mantiene lontano dai poveri perché le sue scelte di vita comportano di prestare più attenzione ad altre incombenze. Questa è una scusa frequente negli ambienti accademici, imprenditoriali o professionali, e persino ecclesiali. Sebbene si possa dire in generale che la vocazione e la missione propria dei fedeli laici è la trasformazione delle varie realtà terrene affinché ogni attività umana sia trasformata dal Vangelo, nessuno può sentirsi esonerato dalla preoccupazione per i poveri e per la giustizia sociale: «La conversione spirituale, l’intensità dell’amore a Dio e al prossimo, lo zelo per la giustizia e la pace, il significato evangelico dei poveri e della povertà sono richiesti a tutti».(…)

Educare i giovani


Ho passato un momento di depressione perché mi pareva che tutti i ragazzi mi crollassero da tutte le parti e che non ci fosse più da fidarsi di nessuno, poi mi è passato subito. Non si può fare l’educatore e non fidarsi. Prima di tutto perché è un obbligo morale, un impegno verso i ragazzi e un’onestà davanti a Dio, perché anche l’educatore ha da farsi perdonare cioè da pretendere un’infinita fiducia che si rinnova a bischero sciolto anche quando tutte le prove sarebbero contro. E poi perché un educatore ha sempre delle soddisfazioni piccole o grandi e sa vedere i segni di speranza e di onestà dove gli altri non vedono. Prenderlo in tasca è il suo destino e il suo dovere, ma non sempre, qualche volta lo prendono in tasca gli altri e il ragazzo malvisto da tutti si rivela un gran galantuomo, un uomo adulto generoso e leale. Tanto più che spesso il tempo gioca a favore dell’educatore perché, crescendo, il ragazzo è più facile che faccia meno ragazzate, e non di più.

(Don Lorenzo Milani)

Un buon pugile, non è colui che è solo bravo ad attaccare, ma colui che riesce ad incassare senza cadere.

Un educatore e tanto più bravo quando riesce ad incassare una sconfitta, una sbandata da parte dei giovani che cura con amore, senza intristirsi troppo, senza deprimersi, senza gettare la spugna, ma con la forza di rimanere! di non scappare quando tutto va storto… i giovani vedranno che nonostante le loro cadute, i loro fallimenti, tu sia ancora lì ad aspettare un loro cambiamento, un loro passo verso il bene. I giovani hanno proprio bisogno di qualcuno che scommetta su di loro, quando nessuno lo farebbe mai.

L’ho imparato sulla mia pelle, ed ho capito che è troppo importante per chi si cura dei giovani, saper incassare! Saper rimanere in piedi…

Si rimane in piedi, quando nonostante tutto, si continua ad amare!

L’Amore che supera le tempeste


L’amore non è una scintilla effimera, nata dall’incontro di due desideri, è una fiamma eterna sprigionata dalla fusione di due destini.

(Gustave Thibon)

Quando due anime sono legate da un sogno più grande, da un disegno che viene dall’alto, la fiamma del loro amore farà davvero fatica a spegnersi nelle tempeste che colpiscono durante la vita.

Sostieni Signore e custodisci l’amore nelle famiglie, specialmente quelle che vivono un momento di faticosa tempesta.

Prete da sei anni, che Grazia!


Il 25 giugno del 2011, nella cattedrale di Biella, venivo ordinato prete. Ricordo benissimo in quel giorno di aver ripetuto tantissime volte nel cuore, Grazie! Era un continuo ringraziare… ogni volto che incrociavo nella processione di ingresso, mi ricordava un incontro bello, una persona importante, un cammino meraviglioso.

Oggi quei volti si sono moltiplicati, quanti fratelli che arricchiscono la mia vita!

Dopo sei anni, sempre più capisco quanto il Signore sia grande! Che bello avere risposto di Sì! Una vita piena, una vita che mi nutre, una vita azzeccata!

Prego il Signore perché ci siano giovani pronti a rispondere sì, ad una vita consacrata al ministero sacerdotale, perché possano vivere la mia stessa Grazia, perché possano annunciare al mondo la buona notizia del Vangelo.

Vivere insieme


Si concludono oggi le due settimane di convivenza in montagna con i ragazzi e bambini della mia parrocchia.

Una settimana con le elementari e una con le medie.

Sicuramente l’esperienza di vivere una settimana insieme con un certo stile, da sempre i suoi frutti e soprattutto rimarrà sempre impresso nei cuori dei ragazzi per tutta la vita.

Quali sono gli ingredienti che fanno di queste settimane giorni indimenticabili?

Sicuramente capire che vivere insieme è impegnativo ma sempre bello e che se ognuno contribuisce come può alla vita fraterna, mettendosi in gioco davvero, scopre quanto sia anche lui un tesoro prezioso e quanto lo siano gli altri per lui. È anche più bello pregare e vivere la Messa quando si è insieme.

Un altro ingrediente essenziale sono i genitori, che credono nel valore educativo e spirituale di questa esperienza. Per alcuni è davvero una fatica, il distacco non è mai semplice ma sempre necessario! Ai figli infatti bisogna donare radici e ali… I buoni genitori, danno ai figli radici e ali. Radici per sapere dove è casa loro, ali per volar via e mettere in pratica ciò che è stato loro insegnato. (Jack Canfield)

L’Ingrediente che però più di tutti non può mancare è il desiderio di vivere una settimana in cui si fa esperienza viva di Gesù! Capire che Gesù è una persona viva!

Mi commuovo sempre sentire i miei bambini, i miei ragazzi, i miei giovani pregare! Che dono grande! Tutte le sere prima di andare a dormire in cappellina un breve momento di adorazione che dona sempre tanta gioia e riempie il cuore di commozione vera.

Quest’anno abbiamo seguito le orme di San Francesco d’Assisi, che ci ha fatto capire la bellezza di vivere sul serio il Vangelo.

Grazie Signore per queste due settimane di Grazia!

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: