spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per 17/04/2017

Non ti lasciamo più andare via


Dal Vangelo di oggi (Mt 28,8-15)

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno». Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi.

Amare Gesù è amare la resurrezione, credere Gesù è credere la resurrezione, sperare Gesù è sperare la resurrezione. La resurrezione è solo questione di accoglienza di una parola, accoglienza che avviene nell’amore. Potremmo dire che la resurrezione è solo una questione di amore: non risponde a nessun processo, neanche al processo esegetico, intellettuale di interpretazione delle Scritture.

(Enzo Bianchi)

E gli abbracciarono i piedi…

Questo è un gesto d’amore, ritrovare qualcuno che si era perso… e abbracciarlo talmente tanto da non volerlo più fare scappare. Bloccargli i piedi…dirgli adesso che sei qui rimani con noi.
Gesù però vuole che il nostro essere con Lui, sia essere con Lui per gli altri! Ecco allora il comando: andate ad annunciare!

Cristo è Risorto! Allelluia Alleuia Alleluia!

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: