spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per luglio, 2016

La vera ricchezza


XVIII Domenica Del Tempo Ordinario (C)

Dal Vangelo di oggi (Lc 12,13-21)

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Il saggio disse: La ricchezza diminuisce per un nulla, per insegnare e render noto quanto il denaro sia cosa debole e vile, e senza alcuna reale consistenza. Vuol dire: la ricchezza è per sua natura e per sua essenza tale che diminuisce per un nulla, per una lievissima causa; e vien meno e si perde. Non sono necessarie grandi cause per distruggerla; giacché, data la sua enorme debolezza e pochezza, per una ragione pur minima o lieve, e degna di nessuna considerazione, quasi fosse cosa vana, va in perdizione e viene annullata per il suo minimo valore; di modo che quando vediamo un ricco decaduto, e rimasto privo del suo denaro, non dobbiamo farne meraviglia né andare a ricercare in che maniera sia impoverito protestando contro la Provvidenza divina; poiché è nella natura e nel carattere della ricchezza di venir meno per la più insignificante ragione. (Shemuel Joseph Agnon)

È davvero un tesoro la ricchezza che si può perdere?
Chi acquista ricchezza per l’eternità ha scoperto il vero tesoro!

Vicino a chi soffre


Vicino ad un uomo che soffre, dovrebbe esserci sempre un uomo che ama.
(Giovanni Paolo II)

L’amore è la medicina più efficace!

Rocco Chinnici


Rocco Chinnici (Misilmeri, 19 gennaio 1925 – Palermo, 29 luglio 1983) è stato un magistrato italiano, una delle vittime di Cosa Nostra. È divenuto famoso per l’idea dell’istituzione del “pool antimafia”, che diede una svolta decisiva nella lotta alla mafia.

Di lui diceva Paolo Borsellino: Né la generale disattenzione né la pericolosa e diffusa tentazione alla convivenza col fenomeno mafioso – spesso confinante con la collusione – scoraggiarono mai quest’uomo, che aveva, come una volta mi disse, la “religione del lavoro”.

In ogni caso sono i giovani che dovranno prendere domani in pugno le sorti della società, ed è quindi giusto che abbiano le idee chiare. Quando io parlo ai giovani della necessità di lottare la droga, praticamente indico uno dei mezzi più potenti per combattere la mafia. In questo tempo storico infatti il mercato della droga costituisce senza dubbio lo strumento di potere e guadagno più importante. Nella sola Palermo c’è un fatturato di droga di almeno quattrocento milioni al giorno, a Roma e Milano addirittura di tre o quattro miliardi. Siamo in presenza di una immane ricchezza criminale che è rivolta soprattutto contro i giovani, contro la vita, la coscienza, la salute dei giovani. Il rifiuto della droga costituisce l’arma più potente dei giovani contro la mafia.
(Rocco Chinnici)

Per tutti colori che hanno lottato contro la mafia fino a dare la vita.

L’amore e la gioia


L’amore è legato alla gioia.
Se avete un grammo di amore,
avrete anche un grammo di gioia.
Ma se il vostro amore è senza misura,
così sarà la vostra gioia.
(John Wu)

Più ami, più sei felice!

Un pezzo di pane


Un pezzo di pane in cui tu, Gesù,
ti trasformi per saziare la fame
di tutti i cuori: questa è la tua biografia,
o Gesù, ridotta all’osso.
E la nostra: la via piccola del tuo amore,
Amore forte nella debolezza.
(Klaus Hemmerle)

Grazie Signore perché con un pezzo di fame sfami il cuore di tutti.

Apparenze


Gran parte dei difetti dei fratelli sono nella retina del nostro occhio.
(Iginio Giordani)
Molte volte ci lasciamo ingannare dalle apparenze…

Lottare contro i pregiudizi


Ieri siamo arrivati in Polonia, per vivere insieme a tanti giovani l’esperienza della G.M.G.
La prima tappa del nostro pellegrinaggio è stato il campo di concentramento di Auschwitz. Mi ha impressionato quel silenzio assordante, molti avrebbero volentieri voluto chiudere gli occhi, di fronte a tanta cattiveria… invece dobbiamo tener gli occhi ben aperti, per vedere il disastro che l’uomo può combinare, quando reputa la vita di un altro uomo senza valore!

Sono d’accordo con le parole del papà di Anna Frank, non possiamo cambiare quello che è successo, ma possiamo e dobbiamo impegnarci perché mai più succeda che l’uomo possa distruggere l’uomo.
Non possiamo più cambiare quello che è avvenuto. L’unica cosa che possiamo fare è imparare dal passato e comprendere cosa voglia dire discriminare e perseguitare persone innocenti. Sono convinto che ognuno di noi abbia il dovere di lottare contro i pregiudizi”.
(Otto Frank)

Per tutte le vittime innocenti, di ieri e di oggi.
Per tutti coloro che sono perseguitati a causa della loro posizione sociale, della loro religione, del colore della pelle…

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: