spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono


VI Domenica di Pasqua (C)

Dal Vangelo di oggi (Gv 14,23-29)

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto. Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

Gesù non ci lascia da soli, il suo amore è troppo grande e non vuole per nessun motivo privarci della sua amorevole presenza, allora ci manda lo Spirito che ci insegnerà ogni cosa!
In-segnare, significa segnare dentro, lo Spirito è quel segno indelebile nel nostro cuore della presenza di Dio che ci sostiene, ci guida nel nostro cammino.
È questa la pace che ci dona il Signore, la pace di chi si sente amato, protetto da Dio. La pace che scaccia ogni ansia dai cuori, la pace di sapere che chi crede in Lui non è perduto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...