spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono


Dal Vangelo di oggi (Gv 2,1-11):

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

Quando ci si sposa, la maggior parte delle volte si è davvero felici, si corona un sogno con la persona che si ama! Si è felici, pienamente felici!

Oggi il Vangelo ci parla di una felicità (il vino) che sta per finire…

Quante volte capita nelle famiglie, tra fidanzati, tra amici… che ad un certo punto non è più come prima… viene a mancare quell’elemento essenziale che muove il nostro cuore nei confronti dell’altro.

Pian piano la persona che era tutta la mia vita, non riesce più a soddisfare il desiderio del mio cuore.

Che sia la persona sbagliata? Com’è possibile? Eravamo tanto felici…

L’Amore è un sentimento che va alimentato giorno per giorno, con piccoli gesti… quando mancano quelli inizia a vacillare anche il rapporto.

Come Gesù può trasformare l’acqua (il nostro cuore annacquato) in vino (il cuore che torna gioioso)?
Innanzitutto con il suo amore… e con il suo desiderio grande di renderci felici!

Molte volte sfugge nella coppia, in un rapporto di amicizia, il legame e il progetto che Dio ha su di noi.

Nei rapporti che stanno per finire, Gesù è dimenticato, è lontano, non è più il motore del rapporto.
Gesù ci insegna a salvare il rapporto con gli altri: Ama, Perdona, prenditi cura…

Se vi capita di essere rimasti senza vino nel rapporto di coppia, di amicizia… non cadete nella tentazione di dire che quel vino non ci sarà più… ma ci sia nel vostro cuore quel desiderio di assaporare il vino bevuto all’inizio e quello che vi preparerà il Signore sarà ancora più buono di quello di prima!

Gesù ci tiene alla vostra felicità, e per nessun motivo vi farà mancare il vino che abbondante vuole riversare nei nostri cuori annacquati dall’abitudine, dalla pigrizia, dall’egoismo, dalla tristezza, dalla disperazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...