spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per 23/01/2015

Stare… per andare

Dal Vangelo di oggi (Mc 3,13-19):

In quel tempo, Gesù salì sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni.Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè “figli del tuono”; e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

Ecco la chiamata: stare con Gesù, per andare a predicare la Sua Parola. Quello stare è alla base, non si può essere apostoli, se prima non si è discepoli. Molte volte ci lanciamo nella pastorale come se Gesù non esistesse… Chissà se i catechisti prima della lezione, si preparano stando un po’ con Gesù, magari recitando una preghiera. Chissà se gli operatori della carità, prima di svolgere il loro prezioso servizio, si ricordano di stare un po’ con Gesù.
Una volta una volontaria, molto in gamba mi dice: “ Don non ce la faccio più… non sopporto più nessuno e sono sempre stanca…”. Io le ho chiesto: “ Come va con la preghiera?” e Lei “ Don non ho più neanche il tempo per pregare….”. “ Trova il tempo di pregare, e tutto il resto troverà spazio nella tua giornata”.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: