spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per novembre, 2014

Aprite gli occhi

Dal Vangelo di oggi (Mc 13,33-37):
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare. Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Vegliate, state svegli, aprite gli occhi! Soprattutto sulle povertà del mondo, è li che si è incarnato Gesù, è li che dobbiamo cercarlo, è quello il luogo privilegiato dell’incontro con Lui.

Pensieri sull’Avvento

Dal Vangelo di oggi (Lc 21,34-36):
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

State attenti…che i vostri cuori non si appesantiscano…

Alleggerirsi… il cammino d’Avvento deve essere un cammino di sobrietà, un cammino in cui si tolgono le scorie che ci appesantiscono. Soprattutto nelle relazioni! Tornare ai gesti semplici, alla rinuncia di sé per andare incontro all’altro. L’Avvento è un cammino di Luce, dove tutto sembra più chiaro. Gesù è venuto sulla terra per Rivelarsi, per farsi trovare… ma c’è qualcuno che lo cerca ancora? C’è chi ha ancora sete di giustizia e di verità. Sete d’amore vero?

Nel cammino d’Avvento, siamo chiamati a preparare la strada, all’incontro vero con Gesù.

Buon cammino a tutti… da stasera un tempo di Grazia per aver il tempo di accogliere Colui che viene ad insegnarci l’amore.

La bellezza del dare

Si tratta di una bellezza incredibile. Una bellezza che non fa rumore e non fa notizia. Non si tratta di contemplarla su un dipinto o su una scultura. Ma è presente nel cuore di ognuno. E la vedi nel volto dell’altro quando lo ami come Gesù ci ha amati. È la bellezza che scaturisce dalla gioia del dare con gioia. (Maria Grazia Bambino)

La capacità di amare fa di te una bellissima persona.

La croce al collo

Essere cristiani non è avere la croce al collo ma sulle spalle.

Legami famigliari

Non è il sangue, ma l’amore che tesse i legami famigliari. (Guillaume Musso)

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: