spunti e riflessioni, per un giorno che sia davvero buono

Archivio per giugno, 2014

La miglior banca

Avere un posto nel cuore di qualcuno significa non essere mai soli. (cit.)

Il nostro più grande tesoro è l’amore e la miglior banca il cuore di coloro che amiamo.

Pietro e Paolo

Quando recitiamo il Credo diciamo «Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica». Non so se avete mai riflettuto sul significato che ha l’espressione «la Chiesa è apostolica». Forse qualche volta, venendo a Roma, avete pensato all’importanza degli Apostoli Pietro e Paolo che qui hanno donato la loro vita per portare e testimoniare il Vangelo.
Ma è di più. Professare che la Chiesa è apostolica significa sottolineare il legame costitutivo che essa ha con gli Apostoli, con quel piccolo gruppo di dodici uomini che Gesù un giorno chiamò a sé, li chiamò per nome, perché rimanessero con Lui e per mandarli a predicare (cfr Mc 3,13-19). “Apostolo”, infatti, è una parola greca che vuol dire “mandato”, “inviato”. Un apostolo è una persona che è mandata, è inviata a fare qualcosa e gli Apostoli sono stati scelti, chiamati e inviati da Gesù, per continuare la sua opera, cioè pregare – è il primo lavoro di un apostolo – e, secondo, annunciare il Vangelo. Questo è importante, perché quando pensiamo agli Apostoli potremmo pensare che sono andati soltanto ad annunciare il Vangelo, a fare tante opere. Ma nei primi tempi della Chiesa c’è stato un problema perché gli Apostoli dovevano fare tante cose e allora hanno costituito i diaconi, perché vi fosse per gli Apostoli più tempo per pregare e annunciare la Parola di Dio. Quando pensiamo ai successori degli Apostoli, i Vescovi, compreso il Papa poiché anch’egli è Vescovo, dobbiamo chiederci se questo successore degli Apostoli per prima cosa prega e poi se annuncia il Vangelo: questo è essere Apostolo e per questo la Chiesa è apostolica. Tutti noi, se vogliamo essere apostoli come spiegherò adesso, dobbiamo chiederci: io prego per la salvezza del mondo? Annuncio il Vangelo? Questa è la Chiesa apostolica! E’ un legame costitutivo che abbiamo con gli Apostoli.

Papa Francesco

Pietro e Paolo, grazie per averci insegnato che per essere apostoli, per essere inviati da Gesù, non dobbiamo essere uomini perfetti, ma uomini disponibili ad offrire la vita per il Vangelo.

Non ho mai conosciuto cristiani perfetti, ma cristiani disponibili sì, e di solito sono persone semplici, ma con un cuore grande così.

Umiltà e Verità

I mass media confezionati dagli adulti raccontano solo di ragazzine che sgomitano per diventare “veline”, di adolescenti disadattati che non sanno superare i loro fallimenti esistenziali o di frotte di teenager attratti solo da godimenti effimeri e alienanti. Le nuove generazioni cercano in realtà due cose semplici, eppure difficilissime da trovare: l’umiltà e la verità.
Ernesto Olivero

Sono stufi i nostri giovani di prepotenza e falsità. Vogliono assaporare la libertà di poter essere importanti per gli altri. Si sentono gli occhi degli adulti addosso, ma mai si sentono incrociati dal loro sguardo.

Quando si propone ai giovani di fare qualcosa per gli altri, per i poveri, non si tirano mai indietro, siamo noi che di fronte ad alcuni giovani non facciamo proposte concrete che facciano scoprire davvero che c’è più gioia nel dare che nel ricevere. Dobbiamo osare di più, dobbiamo essere umili e toglierci dalla testa che i giovani pensino solo a divertirsi.

Quando guardo un giovane Signore fa che possa sempre vedere un cuore capace d’amare.

Sacro cuore di Gesù

Oggi è la giornata mondiale di preghiera per la santificazione sacerdotale.

Se io non porto Cristo agli uomini sono un prete fallito. Posso fare molte cose buone nella vita, ma l’unica veramente indispensabile nella mia missione di prete è questa, comunicare il Salvatore agli uomini, che hanno fame e sete di Lui.
Don Primo Mazzolari.

Signore manda santi sacerdoti ad annunciare il tuo Amore!

No alla droga

Oggi è la giornata mondiale contro la droga.

In una comunità di ex-tossicodipendenti, un ragazzo mi disse: “l’unica mia compagna era la droga, che durava poco, il resto della giornata ero sempre solo, la mia paura più grande era quella di morire da solo, di morire senza che mia madre lo sapesse. Lei la droga faceva di tutto per tenermi compagnia, alcune volte ci riusciva ad ingannarmi, durava poco, subito dopo ero imprigionato nell’angoscia della solitudine. Quando l’ultima volta mi portarono in ospedale, venne mia madre, mi abbracciò forte. Da quel giorno dissi: non voglio più rimanere solo. Adesso sto facendo un cammino insieme ad altri giovani, sogno di potermi sposare, avere un lavoro e avere dei bambini, Don prega per me…”

Per tutti i ragazzi che sono caduti nella dipendenza della droga, possano trovare la forza e le persone giuste, per poter tornare a vivere liberi. E per le loro famiglie, dai Tu Signore la forza di continuare ad amare quei figli che si sono persi.

Tre anni di Grazia

Tre anni fa, nella cattedrale di Biella, venivo ordinato prete. In questi anni ogni sera ringrazio il Signore per questo dono immenso. È una grande responsabilità annunciare e vivere il Vangelo, ma il Signore non ti lascia mai solo. Quante persone che mi vogliono bene, quanti confratelli che ti sostengono, quante preghiere mi aiutano. Ti prego Signore continua ogni giorno a chiamare giovani pronti a servire i fratelli nel ministero sacerdotale, perché quello che più vedo è quanto bisogno ci sia della tua amorevole presenza, soprattutto per gli ammalati, per i poveri, per gli anziani, per le famiglie e per i giovani. Grazie Signore essere prete dà alla mia vita quel senso di pienezza che vorrei non finisse mai.

Natività di San Giovanni Battista

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo,*
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,
per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza*
nella remissione dei suoi peccati,
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,*
per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,
per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte,*
e dirigere i nostri passi sulla via della pace.

Grazie San Giovanni, per aver speso la tua vita a preparare le strade a colui che è Vita.

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: